Mafia catanese e scommesse, 65 indagati: sequestri anche nell'Ennese

2' di lettura 27/05/2021 - Sgominata dalla Direzione investigativa antimafia di Catania una vasta rete della criminalità organizzata finalizzata alla raccolta del gioco d’azzardo e delle scommesse on line.

Oltre 150 donne e uomini della Dia, unità operative del Reparto Prevenzione Crimine della polizia, carabinieri e guardia di finanza hanno eseguito 14 misure di custodia cautelare in tutta la Sicilia orientale nei confronti di persone vicine ai clan mafiosi catanesi Santapaola, Cappello e Bonaccorsi-Carateddi. Tredici persone sono state arrestate (una in carcere e 12 ai domiciliari), per un'altra è stato disposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Le persone indagate sono in tutto 65, accusate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata all’esercizio abusivo di attività di gioco e scommesse, alla truffa aggravata ai danni dello Stato, all’intestazione fittizia di beni.

Oltre agli arresti sono stati eseguiti una serie di sequestri che hanno interessato 38 agenzie di scommesse ubicate nelle province di Catania, Agrigento, Messina, Siracusa ed Enna, i relativi patrimoni aziendali, beni mobili e immobili, conti correnti e rapporti finanziari per un valore di oltre 30 milioni di euro. Diverse agenzie sono risultate di proprietà di esponenti mafiosi, gestite direttamente o per il tramite di familiari e soggetti terzi.

Al centro delle indagini una vasta rete di agenzie di scommesse e giochi online con a capo un imprenditore vicino alle famiglie mafiose catanesi Santapaola e Cappello. La rete criminale impiegava alcune piattaforme online riconducibili a società operanti all'estero destinate in apparenza al gioco a distanza ma adibite in realtà alle scommesse da banco. Il capo dell'organizzazione esercitava un’illecita intermediazione tra agenzie e bookmakers con una precisa struttura organizzativa che si avvaleva anche della capacità di intimidazione e del controllo del territorio proprio delle famiglie mafiose. Dagli accertamenti è emerso che garantisse periodiche somme di denaro ai familiari di un esponente di primissimo piano del clan Santapaola, scarcerato di recente.

___________________________________________
È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram, cliccando nei link della tabella sotto e iscrivendosi GRATUITAMENTE.
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook e Twitter, per trovarli basta cliccare nei link della tabella sotto.

Città Telegram Social
Agrigento @vivereagrigento FB
Caltanissetta @viverecaltanissetta FB - Twitter
Catania @viverecatania FB - Twitter
Enna @vivereenna FB - Twitter
Messina @viveremessina FB - Twitter
Palermo @viverepalermo FB - Twitter
Ragusa @vivereragusa FB - Twitter
Siracusa @viveresiracusa FB - Twitter
Trapani @viveretrapani FB





Questo è un articolo pubblicato il 27-05-2021 alle 12:47 sul giornale del 28 maggio 2021 - 160 letture

In questo articolo si parla di cronaca, mafia, marco vitaloni, articolo, scommesse illegali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b4LM





logoEV