SEI IN > VIVERE ENNA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Unioncamere, consegnato marchio “Ospitalità Italiana” ad aziende di Palermo ed Enna

3' di lettura
20

PALERMO (ITALPRESS) – Unioncamere Sicilia in collaborazione con Isnart, Istituto Nazionale Ricerche Turistiche, società del sistema camerale che gestisce il marchio “Ospitalità Italiana”, nell’ambito del programma “Sostegno al Turismo” del Fondo di Perequazione 2019-2020, riguardante la promozione del settore turistico, ha assegnato alle Imprese Ricettive e Ristorative della Regione Sicilia che hanno avuto i requisiti, l’attestazione del marchio di qualità denominato “Ospitalità Italiana”.

Al rilascio del marchio “Ospitalità Italiana” è stata associata l’attribuzione di un rating di valutazione, in relazione ai fattori: Notorietà, Identità, Promozione del territorio e infine Qualità del servizio offerto. Hanno partecipato alla selezione per l’assegnazione del marchio “Ospitalità Italiana” le strutture operanti nelle province siciliane che esercitano l’attività di Hotel, Bed and breakfast, Ristorante, Agriturismo. Il rating finale ottenuto si è basato su un valore che varia da un minimo di una “corona” ad un massimo di tre “corone” in funzione del punteggio ottenuto.

Nella Regione Siciliana hanno superato il percorso di certificazione in totale 24 aziende, quattro delle quali nelle province di Palermo e Enna, nello specifico: Hotel Principe di Lampedusa; Saracen Sands Hotel & Congress Centre; Bed & Breakfast le Albe di Sicilia; Hotel Ibis Styles Palermo President.

Oggi a Palermo presso la sede di Unioncamere Sicilia, l’assessore alle Attività Produttive della Regione Siciliana, Edy Tamajo, ha consegnato le targhe e l’attestazione alle imprese delle province di Palermo e Enna che hanno conseguito il marchio “Ospitalità Italiana”. Erano presenti alla premiazione il Presidente di Unioncamere Sicilia Giuseppe Pace, il Commissario Straordinario della Camera di Commercio di Palermo e Enna, Alessandro Albanese, il Segretario Generale di Unioncamere Sicilia, Santa Vaccaro, il Segretario Generale della Camere di Commercio Palermo e Enna, Guido Barcellona.

“L’ottenimento del marchio e del relativo rating – dichiara il Presidente Giuseppe Pace – è stato frutto del superamento del percorso di certificazione garantito da una struttura qualificata come Isnart. Per ciascuna impresa è un’ottima affermazione di qualità e capacità imprenditoriale, della quale essa può darne ampia diffusione nella propria attività di comunicazione e promozione. Inoltre – aggiunge Pace -, Unioncamere Sicilia tramite la rete delle Camere di Commercio aggiungerà, nel Registro Imprese, l’avvenuto ottenimento della certificazione, alimentando così il fascicolo elettronico d’impresa ed il cassetto digitale dell’imprenditore”.

“L’iniziativa ha avuto l’obiettivo di qualificare e certificare l’offerta turistica delle imprese Siciliane – aggiunge il Segretario Generale, Santa Vaccaro – in modo da favorire un posizionamento sempre più competitivo nei confronti della domanda turistica e in linea con le caratteristiche di ciascun territorio”.

Il Commissario Alessandro Albanese, apprezzando l’iniziativa realizzata da Unioncamere Sicilia in favore delle imprese, ribadisce che “la certificazione è un elemento di differenziazione e qualificazione delle imprese di Palermo, che cercano sempre più di conciliare lo sviluppo con la tutela dell’ambiente”.

“E’ stato un riconoscimento importante e gratificante per le imprese Siciliane e di Palermo, che vedono certificata la propria attività da un ente di caratura nazionale – sottolinea l’assessore regionale Edy Tamajo -. Al fine di colmare i disservizi, anche il Comune di Palermo sta lavorando incessantemente, lanciando segnali di discontinuità rispetto al passato, in particolare nella gestione dei rifiuti e dei servizi di ordine pubblico, anche in vista della stagione primaverile, dove si prevede l’arrivo di tanti turisti per visitare la splendida Sicilia”.

foto ufficio stampa Unioncamere Sicilia

(ITALPRESS).



Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 15-02-2023 alle 16:11 sul giornale del 16 febbraio 2023 - 20 letture






qrcode